Dancing landscape a Monforte d’Alba

Dancing Landscapes

Il 10 ottobre 2015 alle ore 9.45, è presentata l’installazione DANCING LANDSCAPES degli architetti Caterina Tiazzoldi e Eduardo Benamor Duarte, alla presenza del Presidente del Parlamento Europeo, Martin Schulz che, in occasione del conferimento della cittadinanza onoraria da parte del Comune di Monforte d’Alba, alle ore 9 inaugurerà anche la Biblioteca e Pinacoteca della Fondazione Bottari Lattes, intitolata a Mario Lattes. Oltre 15.000 volumi provenienti dalla collezione privata di Mario e Caterina Lattes e dall’archivio del Premio Bottari Lattes Grinzane e oltre 400 opere pittoriche di Mario Lattes.

Dopo l’inaugurazione, DANCING LANDSCAPES si trasforma in set della performance di danza ideata da Caterina Tiazzoldi e Annagrazia d’Antico della scuola di danza ArKé di Torino. La mostra è aperta al pubblico dal 10 ottobre al 20 marzo 2016 con i seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle 14.30 alle 17, sabato e domenica dalle 14.30 alle 18.

DANCING LANDSCAPES è un’installazione artistica di Caterina Tiazzoldi e Eduardo Benamor Duarte. L’opera verrà esposta sulla terrazza della Fondazione, dalla quale si può godere di un suggestivo panorama sui tetti del borgo antico di Monforte d’Alba e sulle colline di Langa, Patrimonio Mondiale UNESCO. DANCING LANDSCAPES è composta da gocce in sughero collocate su una piattaforma di 40 metri quadrati circa. La flessibilità del sughero genera una serie di forme piacevoli al tatto e dinamiche. L’installazione, originariamente presentata da Caterina Tiazzoldi e Eduardo Benamor Duarte col titolo Onion Pinch come area-gioco per una stazione della metropolitana di Lisbona, da quando ha fatto la sua prima apparizione durante la Biennale di Design Experimenta, è stata presentata in un numerose occasioni in giro per l’Europa e gli Stati Uniti: dalla Cité de l’architecture et du patrimoine di Parigi, a MADE Expo di Milano, dal Festival The Others di Torino, all’Architecture and Design Festival di New York. Si tratta di un’istallazione pensata come un parco giochi capace di tenere insieme adulti e bambini grazie alla sua natura dinamica e multiforme, nella quale i grandi anelli di cipolla oscillanti riescono a trasformare uno spazio potenzialmente freddo in un’oasi vivace e accogliente nella quale è possibile ricavarsi il proprio spazio ludico nel quale correre, camminare, arrampicarsi.

La mostra DANCING LANDSCAPES è la cornice di un programma culturale a cura della Fondazione Bottari Lattes, che utilizzerà l’installazione per esplorare la relazione tra paesaggio, architettura e arti performative. Il primo evento è la performance DANCING LANDSCAPES ideata da Annagrazia D’Antico, direttrice della Scuola di Danza Arké di Torino. I corpi delle ballerine interagiranno con le oscillazioni dell’installazione, creando una reciprocità fra il movimento della danza e la materialità della struttura, stabilendo un legame di confronto e di scambio con il suggestivo paesaggio delle Langhe al fine di creare un forte coinvolgimento emotivo del pubblico presente.

La Fondazione Bottari Lattes dedica la mostra DANCING LANDSCAPES alla città di Palmira in Siria, per sensibilizzare l’opinione pubblica e le Istituzioni, dopo il grave attentato al suo patrimonio artistico: vive nella memoria ciò che la barbarie ha tentato di cancellare.

Caterina Tiazzoldi è architetto e Visiting Professor presso la Xi’an Jiaotong – Liverpool University (XJTLU), la GSAPP della Columbia University e il Politecnico di Torino. Ha conseguito un Master in Progettazione Architettonica avanzata alla GSAPP della Columbia University e il dottorato di ricerca in Architettura presso il Politecnico di Torino. Il suo lavoro è ispirato dall’idea di ibridazione combinatoria per rispondere alla complessità delle città di oggi, sfidando il confine tra l’ambiente urbano e l’interazione del pubblico. Ha ricevuto una nomination per il Cooper Hewitt National Design Award, ha vinto il premio Architecture Rivelate ed è stata finalista del Premio Renzo Piano. Suoi lavori sono stati esposti alla Biennale di Saint Etienne, Boston Design Museum, Soho Digital Gallery, Cité de l’Architecture di Parigi, Salone Satellite, Made Expo, Experimenta Design, Torino World Design Capital.

Eduardo Benamor Duarte è architetto e Assistant Professor presso la Rhode Island School of Design. Ha conseguito il Master in Progettazione Architettonica avanzata alla GSAPP della Columbia University e il dottorato di ricerca in Architettura presso l’Instituto Superior Técnico di Lisbona. Ha fondato il suo studio Benamor Duarte Architettura con sede a New York e Lisbona focalizzato sulla progettazione di oggetti e ambienti spaziali. Il suo lavoro riguarda l’adattamento flessibile di strutture astratto-geometriche in opere che comprendono impianti per spazi pubblici, costruzioni in ceramica, mobili per la casa o paesaggi alimentati da sistemi di energie rinnovabili. Ha di recente esposto i suoi lavori presso la Cité de l’Architecture et du Patrimoine di Parigi, Salone Satellite di Milano Salone del Mobile, Temporary Museum for New Design, Made Expo, Wanted design NY, Soho Digital Art Gallery, Biennale del Design di Saint Etienne e Experimenta Design di Lisbona. Il suo lavoro è stato premiato da istituzioni quali il Ministério da Cultura e la Calouste Gulbenkian Foundation.

Annagrazia d’Antico, danzatrice, coreografa e insegnante, ha cominciato a danzare nel 1976, prima in Italia e poi all’estero (Londra, Vienna, New York e Chicago). Da allora ha creato eventi e performances per Ensemble e per la Compagnia Arké Danza in collaborazione con Matilde Demarchi. Dal 2009 ha collaborato con Caterina Tiazzoldi in numerosi progetti, tra i quali: Onion Pinch Baroque contrepoise, una performance di danza con uno scenario interattivo presentata al NY Architecture + Design Film Festival e al Doing and Undergoing in Teachers College, Columbia University, Social Cave: interazione tra una danzatrice col pubblico attraverso un Interactive Wall al Salone Satellite Milano, instant installation: una performance di danza con scenario interattivo alla GAM, Galleria Civica di Arte Moderna e Contemporanea di Torino, per la mostra dedicata a Felice Casorati.
La Compagnia di Danza Arké, fondata nel 1981, è composta da danzatori formati sulle tecniche che hanno fatto al storia XX secolo (Graham, Horton e Humphrey). Dal 2000 la Compagnia Arké ha deciso di aprire la sua esperienza ad altri linguaggi artistici quali la musica, l’arte multimediale, video e teatro.
Danzatrici: Annagrazia D’Antico, Barbara Giacobbe, Nicole Pipino, Cristina Ruschena.

Condividere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *