Daniele di Bonaventura in concerto con “Bandoneón Solo”

Daniele di Bonaventura in concerto con "Bandoneón Solo"

Daniele di Bonaventura con Bandoneón Solo
in concerto alla Fondazione Bottari Lattes

In occasione della mostra Mario Dondero e Lorenzo Foglio – Lo scatto umano

Sabato 16 giugno 2018, ore 18.30
Fondazione Bottari Lattes – Via Marconi 16 – Monforte d’Alba – Cn

Ingresso gratuito

 

In omaggio ai fotografi protagonisti della mostra Mario Dondero e Lorenzo Foglio – Lo scatto umano, il compositore, arrangiatore, bandoneonista e pianista Daniele di Bonaventura, amico dello stesso Dondero, è in concerto con Bandoneón Solo alla terrazza della Fondazione Bottari Lattes sabato 16 giugno alle ore 18.30 (Via Marconi 16). Seguirà un aperitivo in terrazza con specialità gastronomiche del territorio.

Marchigiano, leader del gruppo Band’Union, Daniele di Bonaventura ha da poco pubblicato il disco Garofani rossi. Musiche della resistenza e delle rivoluzioni, dedicato all’amico Mario Dondero, che reca in copertina una fotografia sulla rivoluzione portoghese del 1974 che Dondero stesso documentò. Autore del recente In maggiore, realizzato con Paolo Fresu, le collaborazioni di Daniele di Bonaventura spaziano dalla musica classica a quella contemporanea, dal jazz al tango, dalla musica etnica alla world music, con incursioni nel mondo del teatro, del cinema e della danza. Ha suonato nei principali festival italiani ed internazionali e ha all’attivo più di cinquanta dischi.

Il progetto che propone sul palco della Fondazione Bottari Lattes, Bandoneón Solo, lo vede esibirsi da solista con il suo strumento, per accompagnare il pubblico in un viaggio sonoro caratterizzato da struggenti suggestioni emotive. Durante il concerto ci si ritrova nel mezzo di un rito celebrativo, creato dalla stesura di composizioni originali dello stesso bandoneonista, che vanno da evocazioni di canti sacri a passi di danza di sapore mediterraneo, a stralci di musica contemporanea, sul filo di un velato pathos e di un’impercettibile malinconia.

Per l’occasione il pubblico potrà visitare la mostra Mario Dondero e Lorenzo Foglio – Lo scatto umano, aperta fino a domenica 22 luglio 2018, a ingresso gratuito (orario: lunedì-venerdì ore 10-12.30 e 14.30-17.30 sabato-domenica ore 15.30-18.30). Il noto fotogiornalista Mario Dondero (1928-2015) e il fotografo-postino di Barolo Lorenzo Foglio (1886-1974) sono insieme per la prima volta in un progetto espositivo che ne sottolinea le affinità di sguardo sull’umanità e sulla quotidianità dei rispettivi tempi. Organizzata dalla Fondazione Bottari Lattes, la mostra è promossa dall’Associazione Giulia Falletti di Barolo in collaborazione con la Galleria Ceribelli di Bergamo e gli eredi di Mario Dondero e Lorenzo Foglio.

Le sintonie di sguardo, che legano il cantore delle tradizioni di Langa Lorenzo Foglio (il cui occhio fotografico è stato curioso e attivo soprattutto nella prima metà del ventesimo secolo, arrivando fino agli anni Settanta) e il protagonista del fotogiornalismo Mario Dondero (che ha immortalato artisti, attori e letterati, ma ha anche documentato diverse guerre oltre che battaglie sociali dalla seconda metà del Novecento) si riassumono nell’esclamazione di Dondero stesso che ammirando uno scatto di Foglio disse: «Questo è geniale, un ritratto magnifico».

 

Domenica 15 luglio la Fondazione Bottari Lattes sarà la tappa conclusiva della passeggiata letteraria, organizzata dalla Fondazione Mirafiore, in compagnia di Giuseppe Cederna che leggerà La Chimera di Sebastiano Vassalli. Il percorso, guidato dall’associazione Andè, con partenza alle ore 16, si svilupperà sulle colline di Monforte (info: fondazionemirafiore.it). Per l’occasione la mostra “Lo scatto umano” sarà aperta dalle ore 15.30 alle ore 21. (ingresso libero): il pubblico potrà partecipare alla visita guidata che si concluderà con una degustazione di prodotti del territorio.

 

Info: 0173.789282; segreteria@fondazionebottarilattes.it; www.fondazionebottarilattes.it.

 

Daniele di Bonaventura

Nato a Fermo (Marche), Daniele di Bonaventura, compositore, arrangiatore, pianista, bandoneonista, ha coltivato sin dall’inizio della sua attività, un interesse per la musica improvvisata pur avendo una formazione musicale di estrazione classica (diploma in Composizione) iniziata a otto anni con lo studio del pianoforte, del violoncello, della composizione e della direzione d’orchestra.

Ha suonato, registrato e collaborato, tra gli altri, con: Enrico Rava, Paolo Fresu, Stefano Bollani, A Filetta, Oliver Lake, David Murray, Miroslav Vitous, Rita Marcotulli, David Liebman, Toots Tielemans, Lenny White, Omar Sosa, Flavio Boltro, Joanne Brackeen, Greg Osby, Ira Coleman, Dino Saluzzi, Javier Girotto, Cèsar Stroscio, Tenores di Bitti, Aires Tango, Peppe Servillo, David Riondino, Francesco Guccini, Sergio Cammariere, Lella Costa, Ornella Vanoni, Franco Califano, Eugenio Allegri, Alessandro Haber, Enzo De Caro, Omero Antonutti, Giuseppe Piccioni, Mimmo Cuticchio, Custòdio Castelo, Andrè Jaume, Furio Di Castri, U.T. Gandhi, Guinga, Riccardo Fassi, Frank Marocco, Paolo Vinaccia, Mathias Eick, Bendik Hofseth e Quintetto Violado.

Ha suonato nei principali festival italiani ed internazionali. Ha pubblicato più di cinquanta dischi.

Ha pubblicato il cd in duo con Fresu per la ECM intitolato In Maggiore e il film-documentario Figure musicali in fuga del regista Fabrizio Ferraro in cui vengono ritratti i due musicisti durante la sessione di registrazione a Lugano insieme con Manfred Eicher.

 

FONDAZIONE BOTTARI LATTES

La Fondazione Bottari Lattes è nata nel 2009 a Monforte d’Alba (Cn) e non ha scopo di lucro. Ha come finalità la promozione della cultura e dell’arte e l’ampliamento della conoscenza della figura di Mario Lattes. Tra le principali attività: mostre di arte e fotografia, il Premio letterario internazionale Bottari Lattes Grinzane, il progetto per l’infanzia Vivolibro, convegni, spettacoli e concerti di musica da camera. Nel 2013 ha aperto l’attività espositiva del nuovo Spazio Don Chisciotte a Torino, voluto da Caterina Bottari Lattes. Nel 2015 ha inaugurato la Biblioteca-Pinacoteca “Mario Lattes”. Il presidente della Fondazione Bottari Lattes è Adolfo Ivaldi.

 

_________________________

Info: Fondazione Bottari Lattes | 0173.789282 | segreteria@fondazionebottarilattes.it

WEB fondazionebottarilattes.it | FB Fondazione Bottari Lattes | TW @BottariLattes

Condividere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo contenuto non è visibile senza l'uso dei cookies.

Utilizziamo  cookies per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Leggi la nostra Cookie policy.
Clicca su "Accetta cookies" o continua la navigazione per consentirne l'utilizzo. Potrai in qualsiasi momento revocare il consenso usando il pulsante "Revoca consesno ai cookie" nel piede del sito.