Don Chisciotte: Vivolibro 2015

 Monforte d’Alba – da lunedì 25 a domenica 31 maggio 2015

Il progetto Donchisciotte, evento ideato e coordinato da Adolfo Ivaldi, è organizzato dalla Fondazione Bottari Lattes in collaborazione con la Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani Onlus di Torino e con l’Associazione Mus-e e si inserisce, dopo Il Giro del Mondo in 80 giorni (seconda edizione – 2013) e Il Villaggio di Marco Polo (prima edizione – 2011), nel progetto Vivo Libro, il contenitore che raccoglie le attività della Fondazione Bottari Lattes dedicate in particolare agli alunni delle scuole elementari.

La manifestazione si svolge a Monforte d’Alba per una durata di sette giorni, dal 25 al 31 maggio 2015. Ogni giornata è dedicata a spettacoli di teatro, musica e giochi per ricreare e attualizzare l’atmosfera e le vicende raccontate nell’omonimo libro di Cervantes, di cui quest’anno ricorre il quarto centennale. L’iniziativa si propone di rinnovare la magia che ha circondato il paese di Monforte durante le scorse edizioni, ricostruendo in Langa (oggi patrimonio riconosciuto dall’UNESCO) le avventure del cavaliere Don Chisciotte e del suo scudiero Sancio Panza, con scenografie liberamente ispirate al romanzo.

Più di sessanta iniziative (a ingresso libero), tra cui spettacoli teatrali, animazioni, laboratori di musica, recitazione, danza e arti visive, coinvolgono 2500 bambini di 27 scuole elementari di Piemonte e Liguria, con insegnati e famiglie.

Anche per questa edizione la Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani Onlus di Torino porta i suoi artisti, che prenderanno spunto dal celebre racconto per guidare i bambini attraverso le fantastiche avventure narrate da Cervantes: quattro tappe, quattro location, quattro differenti animazioni faranno rivivere agli alunni delle scuole elementari partecipanti le atmosfere, i sentimenti e i sogni dei protagonisti del Don Chisciotte.

Il percorso si conclude ogni giorno con lo spettacolo finale, diretto da Luigina Dagostino, nella splendida cornice dell’auditorium Horszowski.

chisciotte-sancho
L’associazione Mus-e, grazie a una metodologia specifica ormai collaudata da più di vent’anni di lavoro, con l’intervento di artisti di varie discipline (pittura, teatro, arte, musica e danza), lavora per l’integrazione dei bambini della scuola primaria, aiutandoli nella formazione di una personalità solidaristica e collaborativa e nello sviluppo di doti creative.

Le scuole che hanno aderito al progetto Mus-e vanno in scena ogni giorno per sette giorni a Monforte con performance inerenti alla manifestazione, elaborati durante l’anno scolastico 2014 / 2015. I bambini possono così calcare i palcoscenici e sentirsi attivi protagonisti dei magici viaggi dell’allampanato cavaliere.
Un’attenzione particolare è rivolta per questa edizione, data l’Expo, all’ecologia e alla tutela del territorio:
sarà il mini atelier Una lenticchia per amica, curato dall’architetto e designer Tiziana Redavid, a far riflettere gli alunni sul rispetto del pianeta, sul risparmio di energia e sulla cultura del cibo.

Da quest’anno, la Fondazione Bottari Lattes ha inoltre attivato una collaborazione con l’Istituto Europeo di Design di Torino, indicendo un concorso di illustrazione, al fine di far creare dagli studenti IED il visual per la campagna promozionale e per l’allestimento. L’allestimento del paese fa rivivere le avventurose atmosfere del romanzo grazie alle immagini della vincitrice Carolina Grosa, premiata domenica 31 maggio presso la sede della Fondazione Bottari Lattes (via Marconi, 16) alle ore 11,30. Dal 9 maggio al 14 giugno le opere che hanno partecipato al concorso sono esposte nei locali della Fondazione.

Il Donchisciotte per le strade di Monforte

In compagnia del pratico scudiero Sancio Panza e del cavallo Ronzinante, Don Chisciotte della Mancia si mette in viaggio attraverso la Spagna del Seicento per vendicare le ingiustizie e difendere i deboli, sempre in nome della sua amata dama Dulcinea del Toboso. La sua immaginazione trasfigura i mulini a vento in spaventosi giganti, le greggi in truppe di nemici, una compagnia di attori in legione di demoni. Le sue stravaganti imprese sono però destinate a fallire, in un mondo che non ha più bisogno di gesta eroiche.

Saranno i bambini, con la loro fantasia galoppante, a rinnovare la magia della cavalleria errante.
L’avventura comincia dalla piazza dell’Elmo (piazza Umberto I). Innanzitutto ci vuole un’armatura per poter affrontare pericoli e nemici in agguato lungo il cammino. Come insegna il saggio Sancio Panza, intraprendere un viaggio a stomaco vuoto è una pessima idea: per rifocillarsi non c’è niente di meglio della Locanda del Picaro (Palazzo Martina), in cui tra una zuppa e un arrosto saporito si possono fare incontri interessanti.

Locanda del picaro Vivolibro 2015

Il viaggio continua in largo del Ronzino (piazzetta Cavour), dove i giovani cavalieri dovranno sfidarsi e combattere… con le parole. Saranno così valorosi da proseguire il periglioso cammino? Frattanto, nella tranquillità dell’orto di Teresa Panza, gli spazi della Fondazione Bottari Lattes, i bambini parteciperanno al mini atelier di Tiziana Redavid, dedicato alla natura e all’ecologia. All’ombra del frondoso Bosco del Toboso (cortile della Galleria Ars Mundi) Don Chisciotte e i suoi piccoli seguaci possono deporre le armi e impugnare una bianca penna d’oca per esprimere i loro romantici sentimenti, in una lettera destinata all’amata. Un’ultima incantata tappa attende i mini eroi protagonisti di questo mirabolante viaggio: si tratta del Castello degli Specchi (Auditorium Horszowski) dove – si sa – le magie sono all’ordine del giorno.

Le scorse edizioni, Il Villaggio di Marco Polo – 2011 e Il Giro del Mondo in 80 giorni – 2013, hanno visto la partecipazione di più di 50 scuole di Piemonte e Liguria, con in totale circa 5000 bambini.

  • Le scuole partecipanti al Donchisciotte sono:
  • Mus-e Torino (istituti di Torino)
  • I.C. Cairoli
  • I.C. Vittorino da Feltre
  • Scuola elementare Ambrosini / Neruda
  • Scuola elementare Fiochetto
  • Scuola elementare Silvio Pellico
  • Mus-e Savona (istituiti di Savona e provincia)
  • Scuola elementare di Albisola Superiore
  • Scuola elementare Astengo
  • Scuola elementare Carando
  • Scuola elementare di Cengio
  • Scuola elementare Don Peluffo Quiliano
  • Scuola elementare di Leca
  • Scuola Milanesi di Loano – Boissano
  • Scuola elementare di Pallare
  • Scuola elementare di Santuario
  • Scuola elementare di Villapiana
  • Scuole del Territorio
  • Scuola elementare Bosca di Canelli
  • Scuola elementare Italo Calvino di Fossano
  • Scuola elementare di Monforte d’Alba
  • Scuola elementare San Michele di Bra
  • Direzione didattica I circolo di Fossano
  • Direzione didattica II circolo di Alba
  • I.C. di La Morra
  • Scuola elementare di Mondovì
  • Scuola elementare di Novello
  • Scuola elementare Primo Levi di Fossano
  • Scuola elementare via San Vincenzo di Genova
  • Scuola media di Monforte d’Alba
Condividere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *