La Fondazione Bottari Lattes partecipa a Torino che Legge 2018

La Fondazione Bottari Lattes partecipa a Torino che Legge 2018

A “Torino che Legge” Laura Pariani porta le parole di Ian McEwan, Amos Oz, Javier Marías, Martin Amis, Alberto Arbasino, Patrick Modiano, Enrique Vila-Matas, vincitori delle prime sette edizioni Premio Bottari Lattes Grinzane sezione La Quercia

Venerdì 20 aprile 2018, ore 17,30
Spazio Don Chisciotte della Fondazione Bottari Lattes Torino (via della Rocca 37b)
INGRESSO LIBERO
www.fondazionebottarilattes.it

Ian McEwan, Amos Oz, Javier Marías, Martin Amis, Alberto Arbasino, Patrick Modiano, Enrique Vila-Matas. Autori amati in tutto il mondo, che hanno arricchito la letteratura internazionale con la propria impronta personale, affrontando ciascuno temi diversi, ciascuno con una poetica e uno stile unici. Scrittori testimoni della contemporaneità, accomunati dall’essere stati insigniti del Premio Bottari Lattes Grinzane, sezione La Quercia (dedicata a Mario Lattes, editore, pittore e scrittore scomparso nel 2001), che ogni anno va a un autore internazionale che nel corso del tempo ha ricevuto condivisi apprezzamenti critici e di pubblico.

A questi maestri è dedicato il reading della scrittrice Laura Pariani, in programma a Torino venerdì 20 aprile 2018 alle ore 17,30 allo Spazio Don Chisciotte della Fondazione Bottari Lattes (via della Rocca 37b). L’appuntamento, a ingresso libero, si inserisce all’interno del cartellone di Torino che Legge, l’iniziativa culturale della Città di Torino e del Forum del Libro promossa in occasione della Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore, istituita dall’Unesco il 23 aprile.

Il reading andrà alla scoperta dei riferimenti letterari che hanno ispirato l’opera e lo stile dei sette autori vincitori de La Quercia. Laura Pariani, che fa parte della giuria del Premio Bottari Lattes Grinzane, in libreria con il nuovo romanzo Di ferro e d’acciaio (NN editore), sceglierà le pagine più significative dai romanzi di McEwan, Oz, Marías, Amis, Arbasino, Modiano e Vila-Matas, in cui si rivelano le influenze e le ispirazioni letterarie che i grandi maestri hanno avuto sulla loro scrittura.

Info: Fondazione Bottari Lattes / Spazio Don Chisciotte
0173.789282 | 011.19771755 | segreteria@fondazionebottarilattes.it, archiviobiblioteca@fondazionebottarilattes.it

GLI AUTORI VINCITORI “LA QUERCIA”

Vincitore 2017
Ian McEwan (Aldershot, 1948), scrittore e sceneggiatore britannico. La carriera di scrittore inizia nel 1975 con una raccolta di racconti dal titolo Primo amore, ultimi riti. Tra i suoi romanzi ricordiamo: Il giardino di cemento (1980), Chesil Beach (2007), Solar (2010), Miele (2012), La ballata di Adam Henry (2014), Nel guscio (2017), editi da Einaudi. Diverse sue opere sono diventate film: EspiazioneCortesie per gli ospitiL’amore fataleL’inventore di sogni e Il giardino di cemento. Nel 1998 vince il Booker Prize con il romanzo breve Amsterdam (Einaudi).

Vincitore 2016
Amos Oz (Gerusalemme, 1939), scrittore e saggista israeliano. Con Feltrinelli ha pubblicato tra gli altri: Una pace perfetta (2009), Scene dalla vita di un villaggio (2010), Una pantera in cantina (2010), Il monte del Cattivo Consiglio (2011), Tra amici (2012), Soumchi (2013), Giuda (2014), Gli ebrei e le parole. Alle radici dell’identità ebraica (2013; con Fania Oz-Salzberger) e Altrove, forse (2015). I suoi lavori sono tradotti in oltre quaranta lingue.

Vincitore 2015
Javier Marías (Madrid, 1951), scrittore, traduttore, giornalista e saggista spagnolo. Tra le sue opere, tutte pubblicate da Einaudi, ricordiamo: Domani nella battaglia pensa a me (1998), Un cuore così bianco (1999), L’uomo sentimentale (2000) e il romanzo in tre volumi Il tuo volto domani (2003-2010), Gli innamoramenti (2012), Così ha inizio il male (2015). Ha tradotto molti importanti autori anglosassoni, tra i quali Hardy, Conrad, Sterne, Yeats e Stevenson.

Vincitore 2014
Martin Amis (Oxford, 1949), scrittore e saggista britannico. Figlio dello scrittore Kingsley Amis, insieme con Ian McEwan e Julian Barnes, è considerato una delle migliori voci della prosa inglese. Tra i suoi romanzi segnaliamo: Money (1984), Cane giallo (2006 e 2010), La casa degli incontri (2008), London Fields (2009), La freccia del tempo (2010), La vedova incinta (2011), Lionel Asbo (2013), La zona d’interesse (2015), Successo (2015), Futuro anteriore (2016), editi da Einaudi.

Vincitore 2013
Alberto Arbasino (Voghera, 1930), scrittore, saggista, giornalista, critico teatrale e musicale italiano. Negli anni Sessanta aderisce al Gruppo ‘63. Tra le sue opere di narrativa ricordiamo: Fratelli d’Italia (Feltrinelli, 1963; Einaudi, 1976; Adelphi, 1993), Specchio delle mie brame (Einaudi, 1974; Adelphi, 1995), La bella di Lodi (Einaudi, 1972; Adelphi, 2001), Super Eliogabalo (Feltrinelli, 1969; Einaudi, 1978; Adelphi, 2001). Tra i suoi saggi figurano: L’Ingegnere in blu (Adelphi, 2008), La vita bassa (Adelphi, 2008), America amore (Adelphi, 2011), Pensieri selvaggi a Buenos Aires (Adelphi, 2012),  Ritratti italiani (Adelphi, 2014), Ritratti e immagini (Adelphi, 2016).

Vincitore 2012
Patrick Modiano (Boulogne-Billancour, 1945), scrittore e sceneggiatore francese. Ha esordito nel 1968 con La place de l’étoile e nel 1978 ha vinto il Premio Goncourt con Via delle botteghe oscure. Tra le sue opere segnaliamo: Dora Bruder (Guanda, 1998), Un pedigree (2006), Nel caffè della gioventù perduta (2010), L’orizzonte (2012), L’erba delle notti (2014), Perché tu non ti perda nel quartiere (2015), editi da Einaudi. Sua è la sceneggiatura del film di Louis Malle Cognome e nome: Lacombe Lucien. Nel 2014 ha vinto il Premio Nobel per la letteratura.

Vincitore 2011
Enrique Vila-Matas (Barcellona, 1948), scrittore e saggista spagnolo. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti in Italia e all’estero, tra i quali il Prix Médicis-étranger e il Premio Rómulo Gallegos. Cavaliere della Legion d’Onore della Repubblica francese, appartiene anche all’Order of Finnegans, in quanto appassionato delle opere di James Joyce. Tra i suoi libri ricordiamo: Parigi non finisce mai (2006), Dottor Pasavento (2008), Dublinesque (2010), Esploratori dell’abisso (2011), Un’aria da Dylan (2012) e Kassel non invita alla logica (2015), editi da Feltrinelli.

LAURA PARIANI
Vive a Orta San Giulio (Novara). Fin dagli anni Settanta si è occupata di pittura, fumetti e teatro. Ha pubblicato numerosi volumi di narrativa. Tra gli ultimi romanzi ricordiamo: La valle delle donne lupo (Einaudi, 2012 – Finalista al Premio Bottari Lattes Grinzane) Il piatto dell’angelo (Giunti, 2013), Nostra Signora degli scorpioni (con Nicola Fantini, Sellerio, 2014), Il nascimento di Tònine Jesus (Interlinea, 2014), Questo viaggio chiamavamo amore (Einaudi, 2015), Piero alla guerra (Interlinea, 2014), Che Guevara aveva un gallo (con Nicola Fantini, Sellerio, 2016) e «Domani è un altro giorno» disse Rossella O’Hara (Einaudi, 2017), Di ferro e d’acciaio (NN, 2018). Ha partecipato alla sceneggiatura di Così ridevano di Gianni Amelio (Leone d’Oro 1998).

PREMIO BOTTARI LATTES GRINZANE
Il Premio Bottari Lattes Grinzane, organizzato dalla Fondazione Bottari Lattes, è rivolto a opere di narrativa italiana e straniera edita in Italia. È suddiviso in due sezioni. La prima, Il Germoglio, è destinata alla scoperta di opere contemporanee di narrativa, innovative e originali, di scrittori italiani e stranieri. La seconda sezione, La Quercia, dedicata a Mario Lattes (editore, pittore e scrittore, scomparso nel 2001), premia un autore internazionale che, nel corso del tempo, si sia dimostrato meritevole di un condiviso apprezzamento critico e di pubblico. La prima edizione del Premio Bottari Lattes Grinzane si è svolta nel 2011.

Info: Fondazione Bottari Lattes / Spazio Don Chisciotte

011.19771755 segreteria@spaziodonchisciotte.it –  0173.7892412 segreteria@fondazionebottarilattes.it

 

I LIBRI DEL READING E I RIFERIMENTI LETTERARI

Il libro non è qualcosa che deve essere letto, è un oggetto che ascolta. Siamo noi lettori che parliamo con lui. La scelta di un libro non è mai casuale.
(Antonio Lobo Antunez)

 

1) AMOS OZ, – Scene dalla vita di un villaggio

Virginia Woolf, La signora Dalloway e Gita al faro

 2) PATRICK MODIANO- Dora Bruder                                                             

Friedo Lampe, All’orlo della notte     e  Felix Hartlaub, Von Unten Gesehen          

  3) ALBERTO ARBASINO, L’ingegnere in blu                                                 

Gadda e gli scapigliati lombardi

  4) JAVIER MARIAS, Tutte le anime  

John Gawsworth

   5) AMIS, London Fields                                                                                           

John Updike, Corri Coniglio

6) MC EWAN, Nel guscio                                                                                      

William Shakespeare –   Una (ancora non scritta) Storia del XXI secolo

  7) VILA-MATAS, Bartleby e compagnia                                                         

Antonio de la Mota Ruiz, Mi precedeva sempre e era strano strano

             

 

Condividere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *